martedì 25 aprile 2017

La mia pasta sfoglia spiegata passo a passo

Buon 25 aprile a tutti!
 Questo giorno di festa mi concede finalmente un po' di tempo libero da dedicare ad una ricetta che volevo pubblicare da tempo, ma che ha richiesto un po' di pazienza per riuscire a realizzare le foto, secondo me fondamentali per far capire bene le varie fasi di lavorazione.
 La pasta sfoglia è una ricetta base che non ha bisogno di presentazioni, composta solo di farina, burro, sale e acqua, quindi da ingredienti semplicissimi, che però lavorati nel modo giusto permettono ai vari strati della pasta di sollevarsi in cottura consentendone la croccantezza. Si adatta benissimo a preparazioni sia dolci che salate, e in queste ultime secondo me dà il suo meglio gustata rigorosamente calda (o comunque tiepida) di forno. Si ritiene in genere che la preparazione sia troppo difficile, per cui si preferisce acquistarla già pronta per l'utilizzo al supermercato, ma io che ho cominciato a cimentarmi nella sua preparazione da quando avevo 15 anni posso dire che è fattibilissima anche in casa, ci vuole solo un po' di pazienza in quanto ogni 2/3 "giri" la pasta va fatta riposare per una mezzoretta in frigo.
 Per chi si volesse cimentare, ecco a voi la preparazione passo dopo passo!

Pasta sfoglia

 ·         250 gr di farina "0"
 ·         220 gr di burro freddo
 ·         acqua q.b.
 ·         sale

 Impastare 220 gr di farina con una noce di burro, un pizzico di sale e acqua q.b.


 Formare un panetto, avvolgerlo nella pellicola e far riposare in frigo per 30 minuti, lasciando il burro rimasto fuori dal frigo.


 Prima di togliere il panetto di farina dal frigo, impastare il burro con la restante farina dandogli la forma di un quadrato schiacciato.
 Stendere il panetto di farina dandogli una forma quanto più possibile quadrata.


 Disporre al centro il burro e ripiegarvi sopra le punte del panetto di farina, in modo da coprire completamente il burro.


 Infarinare bene il piano di lavoro, girare al contrario l'impasto e stendere rettangolare, facendo attenzione a non far fuoriuscire il burro.


 Dare 3 pieghe chiudendo a libro.


 Avvolgere nella pellicola e lasciar riposare in frigo per 30 minuti.
 Girare nuovamente al contrario, stendere rettangolare e dare 4 pieghe.


 Girare al contrario, stendere e dare 3 pieghe, quindi far riposare in frigo per 30 minuti.
 Ripetere ancora pieghe, riposo e pieghe: a questo punto è pronta per l'utilizzo.

 NB1: Infornare la pasta sfoglia fredda di frigorifero così la sfogliatura risulterà migliore. Se si prepara una quiche, ad esempio, consiglio di stendere la pasta nello stampo e lasciarla almeno 10 minuti in frigo prima di infornare.
 NB2: la pasta sfoglia deve essere cotta sempre in forno caldo a 200°C, mai più basso, in questo modo si scalda subito e sfoglia, altrimenti si sicoglierebbe un po' e la sfogliatura non risulterebbe perfetta.

 Per qualsiasi dubbio o curiosità contattatemi...  E buona pasta sfoglia a tutti!

lunedì 10 aprile 2017

Semifreddo allo zenzero con frutta fresca

Buonasera a tutti!
Non so a voi, ma il clima di questi giorni a me mette addosso un vero e proprio bisogno di cibi più freschi, basta con zuppe, arrosti, torte al forno o da credenza, è di nuovo ora di insalatone, verdure gratinate, dolci da frigo o freezer!!
Ecco a voi quindi una specialità davvero perfetta per festeggiare l'arrivo di questa nuova, splendente stagione, che potrete proporre con successo ai vostri cari come originale dessert, perché no? anche il giorno di Pasqua, per cambiare rispetto alle solite colombe.
Si tratta di un semifreddo di semplice realizzazione, con la particolarità dello zenzero usato come ingrediente, che dà al dolce un'inaspettata nota piccante e lo rende ancora più fresco e quasi estivo; il semifreddo, già buonissimo da solo, è arricchito dalla frutta fresca che viene semi-sciroppata per dare un tocco in più di sapore e colore. In estate potete sostituire mango e ananas con frutta di stagione come pesche, albicocche, ..., se preferite lasciandola fresca anziché sciroppata. La ricetta è tratta da una vecchia puntata de La prova del cuoco.

Semifreddo allo zenzero con frutta fresca sciroppata


Per lo sciroppo
·      50 gr di acqua
·      80 gr di radice di zenzero
·      90 gr di zucchero
Per il semifreddo
·      sciroppo
·      300 gr di panna montata
·      2 uova e 3 tuorli
·      2 fogli (10 gr) di colla di pesce
·      125 gr di zucchero
·      radice di zenzero
Per decorare
·      un ananas
·      un mango
·      la buccia grattugiata di un'arancia
·      zucchero q.b.
·      cioccolato fondente

 Tagliare lo zenzero a fettine sottili, metterlo in un pentolino con l'acqua e lo zucchero, portare ad ebollizione e far sobbollire per circa 30 minuti. Lasciar raffreddare.
 Nel frattempo, in una ciotola montare gli albumi a neve ben ferma con due cucchiai dello zucchero previsto. In un'altra ciotola montare la panna. Infine, ancora in un'altra ciotola, montare i tuorli con lo zucchero e un po' di zenzero grattugiato con le fruste elettriche, prima a velocità bassa, poi media, per almeno 15 minuti. Il composto dovrà risultare gonfio e spumoso (come quando si prepara il pan di Spagna). Unire quindi al composto lo sciroppo e un cucchiaio di albumi, amalgamando delicatamente dal basso verso l'alto, unire un cucchaio di panna, mescolando sempre delicatamente, quindi unire un po' per volta tutti gli albumi e la panna, girando sempre dal baso verso l'alto per non smontare. Versare il composto in uno stampo da plum-cake imburrato e foderato con un foglio di pellicola. Far rassodare qualche ora in freezer.
 Nel frattempo, saltare in padella il mango e l'ananas tagliati a pezzettoni con un po' di zucchero e la scorza dell'arancia grattugiata.
 Sformare il semifreddo in un piatto da portata rettangolare, grattugiarvi il cioccolato e servire disponendo ai lati la frutta.

 E buon appetito e felice Pasqua a tutti!

mercoledì 22 febbraio 2017

Frittelle di ricotta e gocce di cioccolato

Buonasera e buon carnevale a tutti!!

Ho rischiato di non farcela ma invece eccomi qui, ancora perfettamente in tempo per proporvi una ricetta perfetta per questo periodo dell'anno e un po' diversa dalle solite frappe (qui si chiamano così!) o castagnole, sempre buonissime ma per le quali ognuno di voi avrà sicuramente già una ricetta del cuore, quindi chi sono io per poter competere? Mi sposto su un altro terreno e vi propongo queste frittelle sofficissime grazie alla ricotta nell'impasto (non so se per caso si era già capito che la ricotta mi piace :P), e golosissime grazie al cioccolato, che comunque a piacere potete sostituire con delle uvette ammollate nel liquore. A voi la ricetta e buona festa!!

Frittelle alla ricotta con gocce di cioccolato



·         3 uova
·         250 gr di ricotta setacciata
·         250 gr di farina setacciata con 1/2 bustina di lievito per dolci
·         70 gr di gocce di cioccolato
·         sale
·         olio di semi di arachidi per friggere
·         zucchero semolato

 Sbattere le uova con un pizzico di sale e la ricotta, quindi unire la farina e le gocce di cioccolato, amalgamare bene, trasferire sulla spianatoia e lavorare brevemente. Friggere nell'olio bollente aiutandosi con un cucchiaio per dare la forma. Trasferire su carta assorbente, passare nello zucchero semolato e servire subito.

domenica 29 gennaio 2017

Penne uvetta e spinaci

Buonasera a tutti!!
Come quando con i fusilli al tonno e peperoni che trovate qui, anche stavolta non voglio avere la pretesa di proporvi una vera e propria ricetta, piuttosto un'idea per consumare in modo un po' diverso una verdura che in genere si tende ad utilizzare quasi sempre come contorno, al massimo come ingrediente per pasta ripiena o rotoli di carne ma difficilmente come condimento per un piatto di pasta. La dolcezza degli spinaci viene esaltata dal contrasto con la dolcezza un po' asprigna delle uvette, in un piatto davvero semplice ma che vi saprà stupire per la particolarità dell'accostamento. Inoltre gli spinaci, che ormai si trovano un po' tutto l'anno, proprio adesso entrano nella loro stagione, quindi non avete proprio scuse per provare queste...

Penne alle uvette e spinaci


 ·    300 gr di spinaci lessi
 ·    50 gr di uvetta sultanina ammollata in acqua tiepida
 ·    80 gr di pancetta
 ·    2 cipolline fresche
 ·    100 gr di crema di latte
 ·    grana grattugiato
 ·    300 gr di penne
 ·    olio, sale e pepe

 Far appassire in una padella con olio la cipollina tritata, quindi togliere dalla padella la cipollina e tenerla da parte. Soffriggere nella stessa padella la pancetta a striscioline, quindi unire la cipollina, gli spinaci e l'uvetta, lasciar insaporire per 5 minuti, unire la panna, regolare di sale e pepe e far restringere altri 5 minuti, quindi mantecarvi le penne lessate in acqua bollente salata. Unire il grana e servire... e buon appetito!

martedì 3 gennaio 2017

Torta di ricotta - versione 2

 Buonasera e soprattutto buon anno a tutti!!!
 Avevo già pubblicato qui, quando il mio blog era ancora un "neonato" :) la ricetta di una deliziosa torta di ricotta, adesso ve ne propongo una variante simile per tipo di ingredienti utilizzati ma di sapore e consistenza in quant cambiano le dosi... quale delle due versioni scegliere? Beh, io sarei di parte, quindi il consiglio è... provatele entrambe e decidete qual è la vostra preferita!! Se non trovate l'uvetta di Corinto prevista negli ingredienti, piccolissima, scura e dal sapore incredibilmente intenso, potete sostituirla con della normale uvetta sultanina.

Torta di ricotta
di Trish Deseine
 
·    175 gr di farina “00”
·    180 gr di burro l.s. t.a.
·    180 gr di zucchero
·    250 gr di ricotta
·    3 uova 
·    100 ml di marsala
·    80 gr di uvetta di corinto
·    1 cucchiaino di estratto di vaniglia
·    1 cucchiaino e 1/2 di lievito
·    zucchero a velo per decorare

  Lasciare le uvette in ammollo per circa 20 minuti nel marsala intiepidito.
 Sbattere il burro con lo zucchero finché il composto non risulta amalgamato e cremoso, quindi unire la ricotta setacciata, i tuorli e l'estratto di vaniglia, miscelare e incorporare le uvette strizzate. Aggiungere infine gli albumi montati a neve con un pizzico di sale, girando delicatamente dal basso verso in alto.
  Disporre in uno stampo ⌀20cm imburrato e infarinato e cuocere nel forno preriscaldato a 180°C per circa 40 minuti.
  Lasciar raffreddare, quindi cospargere di zucchero a velo e servire.

lunedì 5 dicembre 2016

Biscottini pan di zenzero

Buongiorno a tutti, stavolta ci prepariamo al Natale ormai alle porte con un'idea che può tornare utile come dono gourmet, come addobbo per l'albero e, per i più "volenterosi", come base per la realizzazione di una casetta di pan di zenzero.
Si tratta dei famosissimi biscottini di pan di zenzero di tradizione nordica, che ormai tutti abbiamo avuto modo di gustare e magari anche di portare sulle nostre tavole.
La preparazione è davvero molto semplice e il profumo inconfondibile che invaderà la vostra casa compenserà ogni (minimo) sforzo, inoltre con la decorazione ci si può, anzi ci si deve sbizzarrire, magari con l'aiuto dei bambini, sempre molto contenti di poter dare libero sfogo alla loro creatività!
Di seguito ecco a voi la ricetta (versione di Valentina Gigli)

Biscottini di pan di zenzero


·     340 gr di farina "00"
·     225 gr di burro l.s. (in alternativa aggiungere un pizzico di sale all'impasto)
·     170 gr di zucchero di canna grezzo
·     225 gr di zucchero emolato extra-fine
·     2 uova t.a.
·     1/4 di cucchiaino di lievito per dolci
·     1 cucchiaino di noce moscata grattugiata
·     1 cucchiaino di chiodi di garofano tritati
·     2 cucchiaini di cannella
·     6 cucchiaini di zenzero
·     glassa reale, confettini di zucchero e tanta fantasia per decorare!

 
  Sbattere con una frusta il burro fuso con gli zuccheri, quindi unire le uova e la farina setacciata con il lievito e le spezie.
 Stendere il composto su un foglio di pellicola trasparente e far congelare per almeno un'ora. Tagliarvi le sagome desiderate, disporle su una teglia con carta forno e cuocerle nel forno scaldato a 200°, abbassandolo subito a 180°, per 15/20 minuti (fare molta attenzione alla cottura perché appena cominciano a prendere colore in pochi minuti rischiano di cuocere troppo).
  Lasciar raffreddare, quindi decorare con la glassa reale disposta all'interno di conetti di carta forno e gli zuccherini, oppure cioccolato o... quello che preferite!
Qui trovate altre dolci ispirazioni per i vostri regali:
 
·     Baci di dama 

lunedì 14 novembre 2016

Fiori di branzino con patate

 Buongiorno a tutti!
 Oggi vi propongo una ricetta light ma senza assolutamente rinunciare al gusto, anche perché non so cosa ne pensate voi, ma per me quando in un piatto ci sono le patate è sempre una festa!!
Questa semplice preparazione può essere realizzata con altri tipi di pesce oltre al branzino, ad esempio con dei fiori di merluzzo surgelati, o tutto quello che vi ispirano il vostro gusto e la fantasia.

Fiori di branzino con patate



         un branzino
         4 patate medie
         rosmarino
         1 spicchio d'aglio
         olio, sale e pepe

 Farsi pulire il pesce dal pescivendolo, In alternativa, desquamare il pesce con l'apposito coltello, quindi praticare un'incisione sotto la testa e ricavarne i filetti muovendo il coltello radente le spine; toccare i filetti con le mani ed eliminare eventuali spine con una pinzetta.
 Dividere in quattro ciascun filetto.
 Sbucciare le patate, affettarle sottilissime con la mandolina e condirle con sale e pepe e l'aglio schiacciato mescolato con il rosmarino. Disporre le patate su una teglia con carta da forno in modo concentrico creando otto "fiori", adagiare su ciascuno un pezzetto di pesce (con la pelle rivolta verso il basso), coprire con altre fette di patata, quindi condire con un filo d'olio e cuocere in forno statico a 200°C per 30 minuti circa.